fbpx

Il laghetto di Nembia, come il vicino Lago di Molveno, si è formato a seguito di una frana postglaciale che ha sbarrato la valle, impedendo lo scorrimento delle acque.
Originariamente era alimentato dalle acque che scorrevano per via sotterranea, provenienti dal poco distante Lago di Molveno posto 68 m più in quota e distante poco più di un chilometro.

Il laghetto di Nembia è lungo 400 e largo 120 metri ed è un bacino poco profondo.

A partire dal 1952 nella zona del Lago di Nembia si svolsero grandiosi lavori per la realizzazione del sistema idroelettrico del Fiume Sarca. Ciò modificò il sistema idrico naturale. L’originario laghetto fu completamente prosciugato. E la sua sorgente, un ramo dell’emissario sotterraneo del lago di Molveno, fu captata per il potenziamento dell’impianto idroelettrico di S. Massenza.

Fu realizzata l’imponente diga per il previsto e mai effettuato sopralzo del livello del lago di Molveno. Negli anni seguenti la depressione inaridita del lago venne occupata da erbe e cespugli. Per molti anni la zona è stata abbandonata. Nell’estate del 1995 ENEL cominciò un progetto di recupero ambientale.  Questo portò alla demolizione della diga e alla ricostituzione del Lago di Nembia. Fu scavato e compattato il fondo, garantendo così un continuo apporto d’acqua tramite un nuovo immissario artificiale.

Successivamente il Servizio Ripristino e Valorizzazione Ambientale della Provincia Autonoma di Trento rinaturalizzò le rive. Attrezzò infatti le sponde del lago ad area ricreativa. In seguito alla convenzione fra ENEL e WWF venne creata l’oasi naturalistica di Nembia. Questo percorso didattico lungo circa 3 km è un invito ad avvicinarsi a un territorio rinaturalizzato dopo un pesante intervento dell’uomo.

Il percorso è pianeggiante e richiede circa un’ora e mezza di tranquillo cammino. E’ illustrato da pannelli descrittivi che approfondiscono i principali aspetti naturalistici e storico-culturali del territorio.

Scarica AdamelloBrenta l’App del Parco, per avere sempre con te le info su questo lago e su tutti gli altri punti di interesse del Parco.

Disponibile gratuitamente per IOS e Android.

Appstore  Playstore


Share This