fbpx

Ad un mese dall’apertura, nella giornata di sabato 31 ottobre, “Villa Santi”, il nuovo Centro di Educazione ambientale del Parco Naturale Adamello Brenta, è stata aperta al pubblico e presentata alla comunità di Montagne, legata alla casa da vicende storiche, sociali e culturali che affondano le loro radici in tempi antichi.
 
I residenti hanno accolto in gran numero l’invito congiunto del Parco e del Comune a visitare “Villa Santi”, apprezzandone la ristrutturazione eseguita e dimostrando l’orgoglio di avere sul proprio territorio una struttura così importante.
 
L’iniziativa di presentare pubblicamente il Centro di Educazione ambientale rientra nel percorso “Parco Aperto”,  inaugurato in occasione dei recenti incontri sulla revisione del “Piano di Parco”, per rafforzare il dialogo con la gente che vive e lavora nei comuni dell’area protetta.
 
“Il primo mese di attività presso “Villa Santi” – spiega il direttore del Parco Claudio Ferrari – è servito per rodare la struttura, collaudare aspetti tecnici e logistici, affinare le proposte di educazione ambientale rivolte alle scuole. Come Centro di Educazione ambientale, “Villa Santi” è un cardine fondamentale della strategia di educazione ambientale del Parco. Per questo motivo non possiamo non mantenere il coordinamento generale. Tuttavia la struttura è anche un’importante opportunità per avviare un progetto di comunità, tanto più doveroso a Montagne dove “Villa Santi” è sentita come parte integrante della stessa comunità. Oggi la struttura c’è – aggiunge Ferrari – sta a tutti noi organizzare un gioco di squadra per poterla far funzionare al meglio, mettendo da parte le polemiche”. Per parte sua il Parco intende collaborare concretamente con Montagne e tiene le porte aperte al gruppo di giovani che si era candidato alla gestione del Centro, proponendo un progetto dagli spunti interessanti e tuttora valido.
 
Già dall’apertura del Centro, avvenuta nei primi giorni di ottobre, giovani e persone di Montagne, ma anche di Ragoli e Preore, sono stati coinvolti nel gruppo di operatori della didattica impegnato a “Villa Santi”, nel personale di servizio e quali collaboratori nei percorsi didattici che prevedono la trasmissione ai giovani dei saperi tradizionali.
 
Anche nell’acquisto dei prodotti, come frutta e verdura, vengono privilegiate aziende del posto.
 
Nelle prime quattro settimane di attività “Villa Santi” ha ospitato alcune classi dell’Istituto Comprensivo Val Rendena e di Trento-Gardolo, un corso per insegnanti della provincia di Cesena-Forlì e, per ultimo, un gruppo di ragazzi di Paganica nell’ambito delle iniziative a sostegno dei terremotati d’Abruzzo. La struttura si candida anche ad ospitare gruppi, stage formativi e famiglie interessate ai pacchetti di “vacanza-natura”.

Share This