Si è riunito ieri alle 18.00 il Comitato di gestione del Parco Naturale Adamello Brenta presso il Municipio di Strembo per discutere un ordine del giorno particolarmente importante, il cui punto principe era la nomina del Direttore dell’Ente.

Dopo un periodo di sostituzione in comando due giorni a settimana, Roberto Zoanetti, finora Direttore dell’ufficio distrettuale delle Foreste di Tione di Trento, è stato nominato all’unanimità Direttore del Parco. Zoanetti succede ufficialmente a Claudio Ferrari, Direttore per 10 anni, rientrato il 1° dicembre in Provincia per occuparsi del coordinamento delle aree protette trentine e della valorizzazione delle Dolomiti Unesco.

Il 26 maggio scorso una apposita commissione interna ha selezionato tra i 7 curricola pervenuti (Silvio Bortolomei, Vittorio Ducoli, Dario Furlanetto, Claudio Groff, Maurizio Mezzanotte, Marcello Scutari, Roberto Zoanetti) dei 15 iscritti all’Albo di idonei all’esercizio dell’attività di Direttore di parco (graduatoria approvata dalla Giunta provinciale con deliberazione n. 975 di data 13 maggio 2011), una rosa di tre candidati, Marcello Scutari, Direttore con incarico speciale presso il Dipartimento Risorse Forestali e Montane PAT, Roberto Zoanetti, Direttore dell’ufficio distrettuale delle Foreste di Tione di Trento, Maurizio Mezzanotte, Direttore dell’ufficio distrettuale delle Foreste di Cles.
Per la selezione sono state tenute in considerazione le votazioni riportate a seguito dei colloqui, la conoscenza del territorio del Parco, la conoscenza derivata dalle pregresse attività professionali maturate all’interno delle realtà territoriali ed amministrative in ambienti montani, in particolare trentini.
Seguendo l’iter procedurale, la proposta della commissione è stata sottoposta alla Giunta del Parco il 6 giugno e ieri Zoanetti è stato definitivamente nominato con deliberazione del Comitato di Gestione.

Roberto Zoanetti ha 51 anni e abita a Tione di Trento. Si è laureato nel 1983 a Firenze in Scienze forestali. Nel 1989 ha cominciato a lavorare presso il Servizio Parchi della Provincia Autonoma di Trento e dal 1996 è il responsabile dell’Ufficio Forestale di Tione.
Zoanetti conosce molto bene la realtà dell’Adamello Brenta avendola vissuta da vicino sia come componente di Giunta (rappresentante supplente del Dipartimento Risorse forestali e montane) che come dirigente forestale, responsabile dell’Ufficio distrettuale di Tione di Trento.
Dieci anni fa ha partecipato al concorso per la direzione del Parco, posizionandosi al secondo posto della graduatoria finale, subito dopo Claudio Ferrari.
Il Presidente Antonio Caola si dichiara soddisfatto della nomina definitiva di Zoanetti e dice di lui: “Una persona che l’Ente ha già avuto modo di conoscere, in quanto da molti anni è membro della Giunta esecutiva, in qualità di Assessore supplente del Dirigente del Servizio Foreste e Fauna della PAT, una presenza attiva e costante che ha contribuito al miglioramento e alla divulgazione delle numerose attività intraprese dal Parco. Svolgendo il ruolo di Sostituto Direttore, Zoanetti ha lavorato in modo egregio, dimostrando impegno, dinamismo e brillanti capacità organizzative che senz’altro sapranno apportare un significativo miglioramento in termini di efficienza alla struttura dell’Ente. In questi mesi si è instaurato con lui un rapporto di reciproca fiducia e la giusta vicinanza di visioni, punti di partenza strategici per garantire una gestione efficiente e conseguire obiettivi ambiziosi.”.

Approvati tutti all’unanimità anche gli altri punti all’odg:

 il Rendiconto generale per l’esercizio finanziario 2010 che si è chiuso con un avanzo di amministrazione di 864.284,16 Euro, determinato da un’oculata politica di assunzione della spesa, da economie di spesa realizzate su residui e da maggiori accertamenti delle entrate rispetto a quanto preventivato.
 l’Assestamento di bilancio approvato con una variazione pari a 434.181,16 Euro quindi il bilancio assestato risulta pari a 8.789.489,70  Euro
 la modifica della Pianta Organica che prevede un aumento di 6 posti ai 30 (più il Direttore) secondo le direttive della Delibera della Giunta provinciale n. 3126 del 30 dicembre 2010.
 il Piano pluriennale del parco, nuovo strumento programmatico di durata quinquennale recentemente introdotto dall’art. 18 del Decreto del Presidente della PAT n. 3-35/Leg. 21 gennaio 2010.

Share This