Le origini di Strembo sono molto remote. Si presume che esistesse già prima del 1300 e la tradizione narra che, prima del paese di Strembo, ci fosse un piccolo abitato in località “Afcei”, risalente al 1150 circa, fra i paesi di Strembo e Mortaso. Ripide stradine intersecate da androni e ampie case antiche giudicariesi caratterizzano…

Le origini di Strembo sono molto remote. Si presume che esistesse già prima del 1300 e la tradizione narra che, prima del paese di Strembo, ci fosse un piccolo abitato in località “Afcei”, risalente al 1150 circa, fra i paesi di Strembo e Mortaso. Ripide stradine intersecate da androni e ampie case antiche giudicariesi caratterizzano questo paese, le cui occupazioni principali sono l´industria del legname, l´allevamento e le confezioni di carni insaccate. Sede del Parco Naturale Adamello-Brenta, è il luogo ideale dove praticare tennis, mountain bike, pesca ed escursioni per ogni esigenza.
Agli inizi del secolo Strembo era famoso per il suo vecchio campanile: era talmente basso che la chiesa attuale lo sovrastava di un bel po’. I rendenesi raccontavano che quelli di Strembo di notte lo portassero in chiesa per evitare che venisse rubato. I giovani di allora, piuttosto risentiti per questa presa in giro, visto che ormai era stato costruito, nel 1927, il nuovo campanile, abbatterono quello vecchio. Allora in paese quasi tutti possedevano delle capre che dalla primavera all’autunno venivano radunate giornalmente ai “Tampleli” dove il “cavrer”, con il suo corno in spalla e l´immancabile bastone, conduceva al pascolo. Soprattutto in autunno e in inverno molti capi famiglia diventavano “moleti” e giravano con la “mola” ad arrotare coltelli e forbici.

Val Genova
Da ognuna delle valli laterali si gettano spettacolari cascate: le più famose sono quelle di Nardis – 100 metri di salto che divide in due rami l’acqua del torrente omonimo – e di Lares, su tre livelli successivi da scoprire salendo attraverso il bosco. La Val Genova impressionò i primi esploratori per l’abbondanza di acqua, tanto da guadagnarsi l’appellativo di “Versailles dell’Italia settentrionale”.

Val Rendena
Ricca di acque, di pascoli, di boschi e di animali, misteriosa e selvaggia, piena di fascino arcano e insieme aperta, ridente, luminosa si presenta la Val Rendena, cerniera tra Lombardia e Trentino, ai margini di entrambe le regioni e partecipe di tutte e due le culture, intatta nei suoi valori naturali primitivi, tipici di una zona alpestre ancora integra e di un ambiente umano originale per costumi, tradizioni e linguaggio, caldo e spontaneo nel suo manifestarsi.

Strembo è un paese della Val Rendena a 714 metri sul livello del Mare. Su una superficie di 38,22 Kmq vive una popolazione di 562 abitanti (M 285, F 277). (Densità per Kmq: 14,7).

Pagina a cura dell’Amministrazione comunale

Tel +39 0465 804503


Fax 0465670459


Mail comune.strembo@comuni.infotn.it


PEC comune@pec.comune.strembo.tn.it


Siti WEB


http://www.comune.strembo.tn.it/


Share This