Seleziona una pagina

classe 5° scuole primarie e classi 1°-2°-3° scuole secondarie di primo grado

A chi è destinato il progetto
Classe 5° scuole primarie e classi 1°-2°-3° scuole secondarie di primo grado.

Breve descrizione
L’uomo e l’ambiente di montagna condividono da secoli un legame indissolubile. Nelle due giornate verranno affrontati temi riguardanti la capacità dell’uomo di integrarsi e interagire, sia per ragioni sociali sia per ragioni politiche, con un territorio difficile e inospitale come quello che caratterizza l’ambiente alpino e quello oltre il limite del bosco. L’obiettivo sarà quello di comprendere come questi luoghi siano stati vissuti e le risorse siano state sfruttate in passato e come dovranno essere tutelate e gestite nel prossimo futuro, perché solo conoscendo e valorizzando il delicato equilibrio che si è instaurato, si può imparare a rispettare il nostro territorio.

Periodo di svolgimento
Entro inizio ottobre. Per gruppi numerosi anche durante il mese di ottobre (compatibilmente con le condizioni meteo).

Programma in sintesi
Dopo il ritrovo al parcheggio della chiesa di Breguzzo, si raggiungerà la centrale idroelettrica in Val di Breguzzo. Da qui si inizierà la camminata lungo la strada che porta al parcheggio Ponte Pianone e in seguito si imboccherà la strada forestale che raggiunge il rifugio Trivena. Durante il percorso ci saranno alcune tappe in cui verranno approfondite tematiche relative agli ambienti attraversati e al tema delle due giornate. L’arrivo al rifugio Trivena è previsto per il primo pomeriggio: dopo la sistemazione nelle camere saranno organizzate varie attività volte a far conoscere il territorio del Parco e prima di cena i ragazzi ascolteranno l’esperienza dei gestori sulla vita in quota e sulla gestione di un rifugio. La sera dopo cena i ragazzi ascolteranno la lettura di alcuni racconti tratti dalla vita in quota durante la grande guerra. Il mattino seguente, si raggiungerà la località Redont e la valle del Vescovo con varie tappe dedicate agli aspetti ambientali e culturali del luogo. Si ridiscenderà poi lungo il sentiero delle Taiade fino al rifugio e si rientrerà alla centrale idroelettrica, indicativamente alle ore 16.
NOTA: il programma potrà subire delle modifiche per adattarsi alle condizioni meteo e/o del gruppo.

surgiva