fbpx

Circo glaciale di piccole dimensioni, particolarmente ben conservato e modellato.

Circo glaciale posto sul versante nord-orientale del Monte Peller (2300 m s.l.m.), estrema propaggine settentrionale del Geoparco. Si tratta di un bell’esempio di circo glaciale relitto (non più attivo). E’ caratterizzato da una depressione di forma semicircolare. Attorno vi sono ripide pareti rocciose ed è  parzialmente sbarrata verso valle da una soglia poco rilevata.  Questa è a sua volta bordata da una serie di cordoni morenici leggermente arcuati. Si sviluppa da quota 1900 m fino alla sommità del Monte Peller, circa 2300 m, e ha un diametro di circa 600 m.

Le pareti rocciose che lo contornano sono date dall’alternanza di calcari terrigeni fittamente stratificati di colore da grigio a rosso cupo. Appartengono alla Formazione della Scaglia Rossa (Cretacico). In alcuni punti la regolare stratificazione orizzontale della roccia appare interrotta da starti di materiale roccioso caotico. Questi testimoniano antiche frane sottomarine, ovvero avvenute durante la formazione della roccia stessa.

Le pareti verticali hanno uno sviluppo di circa 200 m in altezza e sono raccordate al fondo del circo da falde di detrito incise da numerosi canali di colate di detrito. I due fianchi del circo si chiudono a semicerchio. Quello meridionale è raccordato a un argine morenico oltre il quale si riconosce una seconda piccola nicchia. Il fianco settentrionale, su cui sorge il Rifugio Peller, è invece completamente in roccia.

Il fondo è modellato in roccia e presenta i tratti di una conca di sovraescavazione glaciale ora parzialmente riempita da materiale detritico. Due effimeri specchi d’acqua sono ospitati nei punti più depressi e piccoli inghiottitoi carsici caratterizzano il substrato roccioso.

Come raggiungerlo

Da Cles o da Tuenno in Val di Non seguire la strada per il rifugio Peller fino la parcheggio a quota 1900 m. Quindi proseguire a piedi lungo la strada forestale fino al rifugio. Dalla Val di Sole, partendo dalla località Ragazzini (Malé) si segue il sentiero per rifugio Mezol, passando da Malga di Cles. Da qui seguire la strada forestale che conduce al rifugio. La via di accesso più agevole è dalla Val di Non (Cles e Tuenno). Il tempo di avvicinamento a piedi dal versante noneso è inferiore ai 30 minuti, mentre dalla Val di Sole è superiore ai 180 minuti.

Share This