fbpx

Dal Monte Gabbiolo scendono le acque che alimentano queste cascate affascinanti in un ambiente naturale incontaminato.

Nella stupenda Val Genova, oltre le Malghe Carèt e Stella Alpina, la vista si apre  fino a scorgere le vette più elevate oltre i 3000m. L’acqua della Cascata del Gabbiolo scende dalla selvaggia Val Gabbiolo, che prende il nome dal Monte Gabbiolo nei pressi della Cima Presanella.

Alcuni nevai incastonati tra i Campanili del Gabbiolo, una serie infinita di piccole guglie che emergono dal ripido versante roccioso della valle, alimentano questo velo bianco spumeggiante che scorre lungo il gradino di tonalite che tocca il fondovalle.

Negli ultimi decenni il caldo sempre più insistente durante i mesi estivi ha fuso il secolare Permafrost di ghiaccio che saldava i detriti rocciosi lungo i ripidi versanti delle valli. Quando si scatenano i temporali più estremi, il ruscellamento delle acque piovane mette in moto i versanti che in alcune occasioni hanno determinato vere e proprie colate detritiche che sono scese prepotenti fino a sbarrare il corso del torrente Sarca.

Share This