Grotta ad imbuto in prossimità di Sporminore, descritta già agli inizi del ‘600 da Marx Sittich von Volkenstein come “… un grande buco che sembra inoltrarsi molto sotto terra ma in cui nessuno si è mai fidato ad entrare …”.

La grotta denominata “Bus de la Spia” si trova in prossimità dell’abitato di Sporminore, in Val di Non. E’ una grotta di discrete dimensioni: 8 m di larghezza per 4 di altezza. Si apre con un ampio portale a sud del paese di Sporminore, a 610 metri di quota. L’ingresso della grotta è segnalato da un cartello di legno ed è chiuso da un cancello metallico. Dà accesso ad un ampio antro che subito si restringe gradualmente ad imbuto e si immerge nell’interno della montagna in discesa.

Lo spazioso antro di ingresso fu adibito a deposito dai castellani. In una seconda fase è stato scavato il sottostante cunicolo di scarico per impedirne l’allagamento a causa delle piene provenienti dall’interno. La prima esplorazione e dettagliata descrizione è stata compiuta agli inizi del ‘900 da Cesare Battisti (importante geografo in ambito regionale).

La grotta si è formata lungo un piano di faglia che immerge verso l’interno del versante, tagliando perpendicolarmente gli strati dei Calcari Grigi del Lias (Borsato, 1995).

La cavità carsica è attiva. Vi è quindi presenza di acqua, benché intermittente. Il sistema è in stretta connessione idraulica con la vicina sorgente “Acquasanta” di cui segue gli andamenti di portata.

Il Bus de la Spia è noto per un fenomeno unico nel suo genere. Questo è dato dalla ritmica oscillazione del livello del sifone terminale (Battisti, 1905). Ad intervalli di 6-7 ore, l’acqua inizia a salire lentamente accompagnata da cupi rimbombi provocati dall’espulsione delle bolle d’aria intrappolate negli anfratti della roccia. Dopo circa 45 minuti il livello comincia a calare progressivamente fino al punto iniziale. L’allagamento della grotta solitamente interessa il lungo scivolo finale che conduce al lago-sifone. La porzione più esterna è raggiunta dalle acque in coincidenza di precipitazioni particolarmente intense. Queste riempiono alcune vaschette formando caratteristici laghetti. Solo in rarissime occasioni l’acqua fuoriesce all’esterno.

E’ raggiungibile da Sporminore seguendo per circa 1 km la strada forestale che parte nella zona sud del paese a quota 550 m. Il tempo di raggiungimento a piedi del sito dal paese è stimabile in circa 30 minuti (T). Il tratto di grotta visitabile, che va dall’ingresso fino al lago sifone, è percorribile a piedi muniti di idonea attrezzatura speleologica e non comporta il ricorso a tecniche di progressione su corda.

Share This