Seleziona una pagina
In questi giorni è diventato virale un video con protagonista un cervo che passeggia in centro a Cortina d’Ampezzo, attirando a sé la curiosità dei presenti che non hanno esitato a scattare foto, che rapidamente hanno spopolato sul web.
Nelle immagini si vedono spesso persone che toccano o abbracciano l’animale.
L’esemplare non sarebbe nuovo al manifestare la sua presenza in zone antropizzate abbandonando il suo habitat naturale.
Questo comportamento non deve essere, tuttavia, considerato come un segnale positivo, per la troppa familiarità che l’animale dimostra di avere con l’uomo. Il cervo, come tutti gli ungulati e la fauna che abita i nostri territori, è un animale selvatico che deve vivere allo stato selvaggio e non dovrebbe avere alcun contatto con l’uomo in condizioni naturali.
Il fatto che l’animale scenda fino al paese, dimostra una necessità che non dovrebbe rientrare tra i suoi bisogni naturali e che andrebbe dissuasa.
Si tratta di episodi che non vanno sottovalutati e che devono essere disincentivati per molteplici motivazioni; l’avvicinamento reiterato all’uomo induce un comportamento confidente da parte degli animali che può avere conseguenze impreviste, dannose e pericolose sia per l’uomo che per l’animale stesso.
La sua presenza costante in ambiente urbano può essere pericolosa per l’animale che potrebbe incorrere in incidenti.
Il comportamento erratico degli animali selvatici che si spingono in ambienti urbani è infatti imprevedibile, specialmente se spaventati e, un atteggiamento amichevole da parte dell’uomo non rappresenta una ragionevole norma di giusta convivenza uomo-natura.
Per il rispetto della corretta conservazione della fauna, il consiglio del Parco è quello di non avvicinare la fauna che manifesta comportamenti confidenti; al contrario, l’atteggiamento più corretto e utile sarebbe quello di evitare ogni interazione e allontanarsi, allertando le autorità e chiedendo loro che si prendano cura della situazione nel rispetto della selvaticità dell’animale.
Osserviamo la fauna in Natura e il più possibile a distanza!
surgiva