Seleziona una pagina

Venerdì 12 febbraio alla Borsa Internazionale del Turismo di Milano, presso lo spazio della Regione Marche, Legambiente e Vivilitalia, in collaborazione con Federparchi, presenteranno il primo “Rapporto sul turismo ambientale. Turismo: L’Italia si fa Verde”.

Nella stessa occasione, saranno assegnati gli Oscar dell’Ecoturismo 2015 alle migliori strutture italiane affiliate all’etichetta “TurismoBellezzaNatura” e che sono state valutate secondo serrati disciplinari che determinano il rilascio dell’etichetta. Si tratta di premi speciali che riconoscono l’impegno e i risultati di operatori turistici italiani che hanno fatto della sostenibilità e qualità ambientale un segno distintivo in varie categorie: Ottima gestione ambientale (che conta 7 strutture); Amici del clima (6); Alimentazione (1); Mobilità sostenibile (2); Impegno sociale (2); Gastronomia (1); Acqua (1); Comunicazione – educazione ambientale (2); Riqualificazione delle due e mobilità sostenibile (1); Rifiuti (1); Bioedilizia (1).

Novità di questa edizione saranno i premi consegnati ai parchi e alle aree protette

Tra i 9 parchi italiani premiati, il Parco Naturale Adamello Brenta, per mano del presidente Joseph Masè, ritirerà la targa dell’Oscar dell’Ecoturismo in virtù del proprio impegno a diffondere una cultura di qualità ambientale nei confronti delle strutture turistiche.

Nella strategia di sviluppo del Pnab, in effetti, è ormai consolidata la funzione di promozione della crescita di benessere economico e di fruizione sostenibile delle risorse naturali. In questi termini, il Pnab stimola gli operatori turistici locali ad applicare modelli di sviluppo capaci di preservare il principale elemento di attrattività turistica: la qualità del territorio.
Già nel 2003 è stato concepito ed applicato con questo scopo il progetto “Qualità Parco” ovvero la cessione del marchio del Parco alle aziende turistico – ricettive (ad oggi 37) e ai prodotti agroalimentari (ad oggi 6) che lo richiedono e possiedono comprovati requisiti gestionali oltreché una stretta vicinanza alla cultura del Parco. Da allora il Pnab si è reso laboratorio di innovazione per le aziende e tuttora offre opportunità di partnership per chi desidera legare valori di qualità e sostenibilità al proprio stile imprenditoriale.
Numerose sono state negli anni le collaborazioni che il Parco ha intrecciato anche con i soggetti che si occupano di promozione turistica per elaborare originali offerte di vacanza o di esperienze formative, accrescendo così il dinamismo del territorio e dando la possibilità agli imprenditori di affinare la propria idea di accoglienza.
Tra le più recenti esperienze, in tal senso, vi è la Fase II della Carta Europea del Turismo Sostenibile (la Fase I è stata assegnata al Pnab nel 2006 e rivalidata nel 2012) in cui il Parco ha condotto nel 2015 gran parte delle imprese già certificate Qualità Parco ad ottenere anche il riconoscimento della Cets e ad entrare nel network internazionale di Europarc Federation con significativi vantaggi commerciali.