Il marchio “Qualità Parco” è impresso, per la prima volta da mercoledì pomeriggio, sulle forme di formaggio nostrano di malga prodotte da Luca Alessandri presso l’alpeggio di Malga Tuena gestito dalla Società agricola “Gruppo malghe Tuenno” presieduta da Benvenuto Maistrelli. Al miele “Qualità Parco” si affianca così il formaggio nostrano di malga, che va ad ingrandire la già numerosa famiglia “Qualità Parco”, nata nel 2003 come progetto di marketing territoriale indirizzato prima agli alberghi e ai campeggi, poi alle scuole, quindi alle strutture tipiche e infine al settore agroalimentare. Il formaggio nostrano di Malga Tuena, prodotto in quantità limitate durante l’estate, è il primo a ricevere l’attestato “Qualità Parco” e a sperimentare, in prospettiva di altre adesioni, gli aspetti tecnici e operativi dell’iniziativa.  Con l’assegnazione del marchio, il Parco intende sostenere e valorizzare un prodotto particolare, di qualità, fortemente legato alle attività tradizionali di montagna e al territorio dell’Adamello-Brenta”. L’attestazione è un valore aggiunto al prodotto, che può essere commercializzato avvalendosi del marchio sinonimo di qualità e quindi dell’immagine del Parco. Il formaggio, per poter ricevere il marchio, deve dimostrare di possedere una serie di requisiti stabilita dal protocollo approvato dalla Giunta esecutiva del Parco il 27 settembre 2007. Il  nostrano di malga “Qualità Parco” ha inoltre un secondo vantaggio: quello di inserirsi in una particolare filiera che collega direttamente il malghese “Qualità Parco” agli albergatori “Qualità Parco”, tenuti ad offrire ai propri ospiti i prodotti espressione di tipicità e genuinità.

Luca Alessandri, nella produzione del nostrano “Qualità Parco”, ha dimostrato di riservare un’attenzione particolare all’ambiente e di impegnarsi nella valorizzazione del territorio favorendo la diffusione della cultura del Parco.
Mercoledì, alla marchiatura del formaggio e alla consegna dell’attestato all’azienda produttrice che per prima ha abbracciato il progetto, sono intervenuti il presidente del Parco Antonello Zulberti, il vicepresidente Paolo Ciardi, il  direttore Claudio Ferrari, il coordinatore del progetto Federico Polla e il gestore di Malga Tuena Luca Alessandri.

“Con l’assegnazione del marchio – ha spiegato Zulberti – il Parco intende qualificare ulteriormente la professionalità del malghese e un prodotto espressione dell’identità territoriale e quindi molto importante. È un aiuto per dare valore aggiunto a un prodotto dell’agricoltura di montagna realizzato con tanti sacrifici”. “Un altro aspetto importante della certificazione del formaggio – ha aggiunto il direttore Ferrari – è quello di favorire il collegamento tra settore agroalimentare e alberghi “Qualità Parco””. Ferrari ha poi anticipato che Malga Tuena, azienda zootecnica e agritur, sarà tra poco ulteriormente valorizzata come punto di appoggio del Dolomiti di Brenta Trek e del Dolomiti di Brenta Horse, due affascinanti itinerari per il trekking e l’escursionismo a cavallo attorno alle Dolomiti di Brenta che, inseriti tra i progetti della Carta europea del turismo sostenibile, saranno promozionati a breve. “Mi fa molto piacere aver ricevuto l’attestazione – ha infine concluso Luca Alessandri – in quanto attraverso essa si è stabilito un collegamento con il Parco che mi auguro possa, in futuro, continuare ad approfondirsi”.

La marchiatura e la consegna dell’attestato si sono tenute in concomitanza con l’incontro annuale tra gli amministratori, i dirigenti, i dipendenti e i collaboratori del Parco che, per l’edizione 2008, ha avuto come mèta Malga Tuena, lungo il suggestivo itinerario che dai piedi del Monte Peller giunge al lago di Tovel.

Share This