fbpx

Forum plenario conclusivo

Il forum plenario conclusivo che ha portato a definire in maniera organica il Piano Socio-economico e la Carta Europea del Turismo Sostenibile, si è tenuto venerdì 11 novembre 2011 nella suggestiva cornice del Castello di Stenico, alla presenza del Vicepresidente della Provincia Autonoma di Trento, nonché Assessore ai lavori pubblici, ambiente e trasporti, Alberto Pacher.

Il forum, dal titolo “Carta Europea del Turismo Sostenibile e Piano Socio-economico: presentazione delle strategie e sottoscrizione degli impegni” ha avuto il preciso obiettivo di presentare e condividere in maniera plenaria i numerosi progetti emersi durante i forum territoriali d’ambito e, sottoscrivere la strategia e gli impegni dei prossimi 5 anni da parte dei numerosi soggetti realizzatori.

Dopo il benvenuto all’evento del Vicepresidente della Provincia, si sono succeduti la padrona di casa, Monica Mattevi, in qualità di sindaco di Stenico, Antonio Caola Presidente del Parco e Francesco Carlucci, Direttore di Federparchi – Europarc Italia, il quale ha sottolineato come il Parco rappresenti un esempio di “best practises” a livello nazionale, e non solo.
Successivamente si sono tenuti gli specifici interventi mirati a dare una visione d’insieme della strada che il Parco ha percorso per arrivare a produrre questi due documenti fondamentali: il prof. Massimo De Marchi del Dipartimento di Geografia dell’Università degli Studi di Padova ha portato una riflessione su “Turismo, economia e relazioni sociali: il paesaggio del Parco come sintesi”, il Direttore del Parco, Roberto Zoanetti, ha illustrato il progetto “Il Parco compagno di viaggio: la strada percorsa”. A seguire Ilaria Rigatti Chiara Grassi, referenti del Parco per quanto riguarda rispettivamente la CETS e il PSE, hanno illustrato le strategie e le azioni concrete. Dopo la discussione è stato dato spazio alla “Sottoscrizione degli impegni” da parte degli enti coinvolti.

Complessivamente hanno preso parte all’evento circa 130 persone, a testimonianza di come il lavoro di condivisione e moderazione svolto dal Parco sia stato condotto in maniera aperta e costruttiva.

Share This