fbpx

Essere fedeli guardiani del Parco Naturale Adamello Brenta. È questo il mandato affidato a 78 bambini che, a conclusione dell’anno scolastico 2007/2008 e della partecipazione al percorso di educazione ambientale “Tradizione e cultura” coordinato dagli operatori del Parco, sono diventati “Junior Ranger custodi”: piccoli, ma fedeli guardiani di un Parco dalle innumerevoli specificità naturalistiche e culturali che hanno imparato a conoscere ed amare. Il progetto, inserito nel programma di educazione ambientale del Parco “Curricolo verticale di educazione ambientale”, è un’idea di Europarc, la federazione europea dei parchi che attraverso questa iniziativa ha raccolto la  sfida di coinvolgere i giovani nelle attività delle aree protette. I primi “Junior Ranger” appartengono a due classi quinte della Scuola primaria di Tione (Istituto comprensivo Tione), alla quinta della Scuola primaria di Giustino (Istituto comprensivo Val Rendena) e alle classi quarta e quinta della Scuola primaria di Stenico (Istituto comprensivo Giudicarie Esteriori). Tutte e tre le scuole hanno ricevuto, negli anni scorsi, l’attestato “Qualità Parco”, a dimostrazione di quanto il legame con il Parco Naturale Adamello Brenta si approfondisca sempre di più.Nel corso dell’anno scolastico le classi, dopo un primo incontro in aula, sono uscite sul campo e, con l’aiuto e l’accompagnamento di un guardaparco e di un educatore ambientale, hanno iniziato a conoscere una piccola area del Parco della quale sarebbero poi diventati custodi: la zona di Malga Cengledino per gli alunni di Tione, l’area di Valagola per gli alunni di Giustino e Stenico. In classe, insieme ai docenti, sono stati poi approfonditi gli aspetti del paesaggio, delle tradizioni e della storia che caratterizzano il luogo oggetto di studio.L’obiettivo di legare i più giovani al Parco è stato raggiunto. Lo dimostra la giornata finale durante la quale gli alunni hanno guidato genitori ed autorità in un’escursione attraverso i luoghi studiati durante l’anno. Senza dimenticare particolari e dettagli hanno raccontato, a più voci, il territorio.Nei prossimi anni il progetto “Junior Ranger” sarà esteso alle classi della Scuola secondaria di primo grado, inserendosi: in prima media nel progetto “La diversità botanica del Parco” conseguendo il riconoscimento finale di “Junior Ranger esperto” e in seconda media nel percorso “Il Parco un mondo da esplorare” diventando “Junior Ranger guida”. Infine, in terza, gli alunni concluderanno il programma con il percorso “Qualità Parco” ed il relativo riconoscimento di “Junior Ranger consigliere”. Tutti gli alunni “Junior Ranger” rimarranno in contatto diretto con il Parco attraverso le newsletter del Parco e mediante uno “sportello dedicato”, che permetterà loro di comunicare direttamente con i guardaparco. Il Parco sta valutando, per i prossimi anni, la possibilità di proporre a tutti i “Junior Ranger” campi “Junior Ranger” estivi, cominciando anche ad organizzare scambi con altri Parchi italiani ed europei aderenti al progetto.

A Malga Cengledino

A Malga Cengledino si è svolta l’uscita conclusiva degli alunni della Scuola elementare di Tione che hanno guidato genitori e autorità alla scoperta del territorio illustrandone, ciascuno, una caratteristica. Durante l’escursione gli alunni hanno dimostrato di conoscere i luoghi di studio e di esserne responsabili. I grandi, poi, sono stati protagonisti di una serie di giochi sul tema della natura e del territorio ideati da bambini e insegnanti, ad ulteriore dimostrazione dell’impegno dimostrato durante il percorso.
Alla consegna degli attestati sono intervenuto anche il presidente del Parco Antonello Zulberti, il sindaco di Tione Vincenzo Zubani, l’assessore comunale alle foreste Luigi Battocchi, il guardaboschi Mario Salvaterra, i guardaparco Enrico Dorigatti e Alessandro Ghezzo e le educatrici ambientali del Parco Laura Nave e Luigina Armani.

A Malga Valagola

Analogamente, a Malga Valagola, si sono ritrovati gli alunni delle Scuole elementari di Stenico e Giustino, con l’assessore della Giunta del Parco Antonio Caola, il sindaco di Giustino Luigi Tisi, i guardaparco Giuliana Pincelli e Fernando Ballardini, le educatrici ambientali Vajolet Masè ed Elisa Cattani.
  

Share This