Seleziona una pagina

“Usiamo meno imballaggi”; “Non dobbiamo sprecare la carta, perché è fatta con gli alberi”; “Una buona abitudine per non sprecare l’acqua è fare la lavatrice a pieno carico”: queste sono alcune delle frasi, contenenti altrettanti consigli e buoni comportamenti, che alunni e studenti delle scuole trentine hanno inviato al Parco Naturale Adamello Brenta nei giorni scorsi. Il messaggio che contengono, semplice, diretto, concreto, viene amplificato da una trasmissione radiofonica di Radio Dolomiti, in onda da stamattina – alle ore 7.20 – e fino alla seconda metà di novembre: “Estote parati! Le buone abitudini per aiutare l’ambiente!” Ogni giorno la radio rilancerà una buona abitudine individuata dagli scolari, e riferita indicativamente ad uno dei quattro elementi: acqua, aria, fuoco e terra. Dieci le azioni per ogni elemento, quindi in tutto quaranta brevi trasmissioni – di circa un minuto e mezzo ciascuna – condotte da Francesca Bertoletti di Radio Dolomiti in collegamento telefonico con il presidente del Parco Walter Ferrazza, a cui si aggiungono quattro momenti di approfondimento più “corposi”, con cadenza quindicinale, alle 20.00, in quattro giovedì: 13 e 27 ottobre e 10 e 24 novembre.

“Con questa iniziativa- sottolinea il presidente Ferrazza – rilanciamo la nostra collaborazione con Radio Dolomiti, emittente che da tempo accompagna in maniera molto concreta ed efficace il Parco nel suo percorso di educazione del Trentino sui temi ambientali. In questo caso, siamo ritornati innanzitutto nelle scuole, soprattutto primarie, ma anche secondarie, chiedendo agli scolari di inviarci le loro idee e i loro consigli per aiutare l’ambiente. Non solo: dopo ogni diretta mattutina chiediamo agli ascoltatori di mandarci una foto o un breve video sul tema di volta in volta prescelto, che verranno poi rilanciati sulle pagine social della Radio. Un po’ come abbiamo fatto anche con il concorso ‘Raccontare la natura’, che si concluderà prossimamente. Vogliamo che il dialogo con il territorio continui a crescere, dentro e fuori i confini del Parco. La costruzione di un rapporto diverso, più solidale, più fraterno, fra uomo e ambiente, deve cominciare dal basso, dalla società civile, dalle famiglie, dalle scuole, e anche dai media, che sono alleati preziosi. I giovani sono i decisori del futuro e ci è sembrato necessario ascoltare la loro voce per meglio comprenderne la visione così da tenerne conto nelle scelte che facciamo”.

Queste le scuole e classi che hanno aderito all’iniziativa:

– Classi quarta C e Classe quarta B della scuola primaria di Cles;
– Classi seconda della scuola secondaria di Caldes;
– Classe quarta e classe quinta della scuola primaria di Caderzone Terme;
– Classe quarta A e classe quarta B della scuola primaria di Tione;
– Classe terza scuola secondaria di primo grado – Madonna di Campiglio;
– Classi quinta A e quinta B della scuola primaria di Villa Lagarina.

Riascolta le puntate giornaliere: https://www.pnab.it/il-parco/ente/estote-parati-le-buone-abitudini-per-lambiente/ 

 

 

surgiva