È dedicato ai rapaci diurni il “calendalibro” 2010 del Parco Naturale Adamello Brenta che, anno dopo anno, avvalendosi di originali illustrazioni, presenta le ricchezze naturalistiche dell’area protetta: la fauna, la flora, la varietà del paesaggio. Arrivati a fine anno, il calendario potrà essere conservato e comodamente sfogliato come un libro.
 
Il “calendalibro” 2010 è stato curato da Gilberto Volcan e Filippo Zibordi del Parco per quanto riguarda i testi e la supervisione scientifica, mentre le illustrazioni sono state realizzate da Alessandro Sacchetti.
 
Il Parco negli ultimi dieci anni ha attivato numerose ricerche finalizzate a conoscere la distribuzione dei rapaci diurni, gli aspetti di tipo ecologico ed eco-sistemico.
 
Le specie di rapaci diurni attualmente note al mondo sono circa 338, 41 di queste sono presenti in Italia, 22 in Trentino e 15 nel Parco Naturale Adamello Brenta. Si tratta di un gruppo molto eterogeneo sia per dimensioni che per forme e abitudini: nel Parco si va dal piccolo sparviere maschio, grande quanto un merlo e del peso di poco più di un etto, al gigantesco gipeto con quasi 3 metri di apertura alare ed un peso di 5-7 chilogrammi.
 
Tra i rapaci meglio conosciuti ci sono ci sono l’aquila reale (14 copie nidificanti nel Parco) e il gipeto.

Share This