Domani, sabato 2 agosto, presso la località Todesca alla Ragada in Val Genova si terrà la giornata commemorativa:

“Dalla Guerra alla Pace”
Recupero ex cimitero dei soldati – Guerra Mondiale 1914 – 18

La Val Genova, infatti, fu “stazione di partenza” per le truppe alpine austriache a presidio del confine con il Regno d’Italia che correva lungo la catena dell’Adamello – Carè Alto. Su queste cime la cosiddetta Guerra Bianca trovò nel Gruppo dell’Adamello-Presanella e sui suoi ghiacciai perenni momenti in cui gli uomini vissero il limite estremo. 
A testimonianza di questo cruento passato, in Val Genova esistevano 3 cimiteri di guerra: uno alla Todèsca, uno nelle vicinanze della casina Bolognini e l’altro nei pressi del Rifugio Mandron. Quest’ultimo è l’unico originale rimasto.
A 100 anni dallo scoppio della Guerra in Trentino, a ricordo di tutti i caduti in Adamello, il Comune di Strembo e il Parco Naturale Adamello Brenta, basandosi sulle immagini dell’epoca, hanno ricreato una piccola delimitazione del cimitero originale della Todèsca. Sono state riposizionate alcune croci in legno ed è stata ricostruita la piccola cappella entro la quale è stata posta una stele con i nomi dei caduti che qui avevano trovato sepoltura fino al 1938.

Il programma della giornata prevede:
Ore   8.30 Ritrovo in Val Genova loc. Ponte Maria
Ore   9.00 Partenza a piedi (25 min.) in compagnia degli alpini, o in bus navetta, verso località Todesca
Ore 10.30 Santa Messa celebrata da S.E. Mons. Luigi Bressan Arcivescovo di Trento e accompagnata dai canti del Coro Presanella/Monte Iron
Ore 11.30 Cerimonia commemorativa recupero ex cimitero dei soldati
Ore 13.00 Pranzo loc. Malga Genova
Ore 15.00 Visita guidata allo Sbarramento di Fontanabona lungo il percorso dedicato al Mjr. Anton Malina, comandante austro-ungarico del Sottosettore Fontanabona.

La giornata si chiuderà con il ritorno a valle per una serata culturale presso il Paladolomiti di Pinzolo:
Ore 17.30 Simposio “1914-18 Sui passi della Memoria”
Ore 21.15 Concerto della banda “Original Tiroler Kaiserjägermusik”.

Tutta la popolazione è invitata.

Share This