La Casa del Parco “C’era una volta” che ospita, a San Lorenzo in Banale presso l’edificio settecentesco di Casa “Osei”, una mostra etnografica permanente sugli usi e costumi della gente alpina, sarà aperta, fino al 9 novembre, tutti i sabati e le domeniche, dalle 10 alle 12 e dalle 13 alle 17.
Per tutti i visitatori che vorranno tuffarsi in un’atmosfera d’altri tempi e riscoprire le suggestioni del passato, “C’era una volta” sarà accessibile fino al secondo week-end di novembre quando a San Lorenzo in Banale volti e cort si animeranno in occasione della Sagra della Ciuiga (7,8, 9 novembre).
La visita alla mostra etnografica potrà essere completata da una passeggiata nel centro storico di San Lorenzo in Banale, ricco di particolarità e scorci suggestivi che gli sono valsi il recente ingresso nel circuito “I borghi più belli d’Italia”, oppure da un’escursione nei dintorni del borgo alpino per ammirare lo spettacolo dorato della natura vestita dei colori dell’autunno. Ancora, a poca distanza, si potrà raggiungere Stenico per una visita all’omonimo castello e alle cascate del Rio Bianco, esempio di un ambiente energico e vitale… anche in autunno.
L’apertura della Casa del Parco “C’era una volta” è resa possibile dall’Apt Terme di Comano Dolomiti di Brenta che si è resa disponibile a protrarre l’apertura della mostra etnografica oltre il periodo estivo.
Una mostra etnografica

La Casa del Parco “C’era una volta” è una mostra etnografica permanente allestita dal Parco Naturale Adamello Brenta a San Lorenzo in Banale, presso Casa “Osei”, edificio settecentesco recentemente acquistato e ristrutturato dall’Amministrazione comunale. L’esposizione presenta oggetti della collezione “Widmann” acquistata alcuni anni fa dal Parco.Le tradizioni delle genti di montagna

“C’era una volta” è un’esposizione che custodisce la memoria della civiltà contadina: utensili d’uso quotidiano della casa, oggetti del lavoro agricolo e silvo-pastorale, segni del passato che tramandano la storia di persone e luoghi legati alle attività tradizionali di montagna. È, ancora, un nuovo tassello (inaugurato a novembre 2007) che si aggiunge alle strutture del Parco Naturale Adamello Brenta dedicate alla conoscenza della natura e dell’ambiente, aprendo una finestra sulle tradizioni delle genti che hanno abitato e abitano il territorio del Parco. Architettura rurale

La mostra etnografica, grazie alla collaborazione dell’Amministrazione comunale di San Lorenzo in Banale, ha trovato ospitalità all’interno di Casa “Osei”, esempio di tipica abitazione rurale giudicariese. L’edificio, prezioso tassello dell’identità culturale locale, è stato costruito tra il XVI e il XVII secolo fungendo, contemporaneamente, da dimora per l’uomo e sede dell’azienda agricola. Abitato fino al 1951, quando un incendio distrusse tutta la parte lignea, è stato recuperato nel rispetto delle regole del restauro conservativo. La Casa del Parco “Cera una volta” è un progetto di valorizzazione della memoria condiviso, insieme al Parco, dal Comune di San Lorenzo in Banale, dall’Ecomuseo della Judicaria “Dalle Dolomiti al Garda” e dall’Azienda per il turismo Terme di Comano-Dolomiti di Brenta.

Share This