Seleziona una pagina

Sta riscuotendo grande apprezzamento tra i visitatori l’allestimento presso la Casa del Parco “Flora” di Stenico della raccolta bibliografica curata dalla Biblioteca Giudicarie Esteriori, e liberamente consultabile negli orari di apertura della struttura. I libri scelti – una settantina – riguardano naturalmente il tema a cui è dedicata la Casa, uno dei sette centri di visita del Parco Naturale Adamello Brenta sul proprio territorio: le piante, i fiori, gli alberi, e gli animali che li abitano.“Biblioteca fuori di sé” – questo il titolo dell’iniziativa – è inserita nel programma di lavoro sviluppato dal Distretto Famiglia delle Giudicarie Esteriori in collaborazione con la Biblioteca delle Giudicarie Esteriori, e si inserisce nel progetto più ampio che il Parco Naturale Adamello Brenta sta portando avanti con le biblioteche del territorio all’insegna dell’alleanza fra natura e cultura. L’obiettivo è quello di portare i libri anche al di fuori dei luoghi pubblici dove tradizionalmente è possibile reperirli, le biblioteche, in particolare utilizzando gli spazi delle Case del Parco, aperte fino alla fine della stagione estiva a turisti e residenti.

Dove e quando

Presso la Casa “Flora” del Parco Naturale Adamello Brenta in località Rio Bianco 1, a Stenico, antico casino di bersaglio del periodo asburgico, ristrutturata mantenendo le caratteristiche originali e inserita in uno splendido contesto paesaggistico, è stato allestito un angolo per la lettura con l’esposizione di una settantina di libri, selezionati e messi a disposizione della Biblioteca delle Giudicarie Esteriori, sui temi della Casa. Possibilità di visita negli orari di apertura della Casa:

– weekend (sabato e domenica): dal 5 giugno al 31 ottobre;

– tutti i giorni dal 1 luglio al 5 settembre.

Orario: 10.00 – 13.00 e 14:00 – 18:00

Obiettivo

Valorizzare la Casa del Parco “Flora” attraverso la collaborazione degli enti del territorio. In affiancamento all’esposizione nel periodo settembre-ottobre verranno proposte alcune iniziative culturali dedicate agli ospiti e visitatori e residenti.

Per la biblioteca la dislocazione di una collezione permanente in un luogo bello e significativo come la Casa del Parco di Stenico rappresenta un’occasione preziosa per raggiungere la comunità e un’importante esperienza di “biblioteca fuori di sé”: l’intento è quello di disseminare il gusto e l’interesse per i libri, veicolando anche contenuti legati alle tematiche ambientali ed ecologiche nel senso più ampio e pieno del termine. Particolarmente preziosi in questa direzione i piccoli quaderni “handmade” realizzati da Carlotta Zanoni  e Karin Salvadori, coinvolte in questo periodo in biblioteca con progetti di alternanza scuola/lavoro e tirocinio, messi a disposizione dei visitatori per prendere nota di titoli, frasi, ricette, poesie: piccoli mondi da portare via e custodire con cura, a ricordo di una visita speciale e come stimolo per rinnovate letture e scoperte.