Turismo sostenibile

Il Parco Naturale Adamello Brenta è impegnato nel promuovere un turismo sostenibile per i territori e attraente per il mercato, che si ispira a 3 principi:

  • coinvolgere, nelle scelte, in modo partecipato e attivo, tutti gli interessi in gioco nel comprensorio turistico;
  • proteggere la diversità, quindi tutelare le motivazioni turistiche esistenti;
  • promuovere la diversità, ovvero scoprire e inventare nuove occasioni di turismo.  


Turismo e ambiente naturale sono legati l’uno all’altro a “doppio filo”. L’ambiente integro è, per il turismo, un forte motivo di attrattiva. Ma il turismo, viceversa, per il forte carico antropico e l’impatto che ha sul territorio rappresenta, per l’ambiente, un fattore di rischio. Il dibattito in atto, a livello europeo, sul tema turismo-ambiente ha portato ad affermare che turismo e ambiente naturale sono strettamente interconnessi e che “la natura e la biodiversità, se non sono gestite in modo corretto, possono essere seriamente danneggiate da uno sviluppo incontrollato del turismo”; ancora, che “le aree fragili come le zone montagnose contengono una ricchezza di biodiversità che merita particolare attenzione ed appositi mezzi di gestione integrata quando si ha a che fare con sviluppi turistici”. 

Sulla tematica del turismo sostenibile e sulle problematiche ad esso correlate il Parco Naturale Adamello Brenta si è fortemente impegnato a partire dalla legislatura 2000-2005, fino alla recente riconferma, per la seconda volta nel settembre 2012 della Carta Europea del Turismo Sostenibile, alla quale l'area protetta aveva aderito in prima battuta nel 2006. Con questo strumento il Parco ha sperimentato positivamente la logica della concertazione con il territorio, insieme al quale ha individuato una strategia di sviluppo sostenibile condivisa.
Il confronto del Parco con il turismo è un passaggio quasi obbligato in quanto nell’area protetta si inseriscono tre dei maggiori poli turistici invernali del Trentino (Madonna di Campiglio-Pinzolo, Andalo-Molveno, Folgarida-Marilleva) che convogliano, ogni anno, un quarto dell’intero flusso turistico provinciale. Si tratta di un modello di fruizione che sempre più tende a diventare di massa, con picchi stagionali di presenze elevatissimi e concentrati in aree limitate. Lo sforzo del Parco va nella direzione di promuovere modi diversi di offrire turismo e di vivere la vacanza nell’ambiente montano. Il rischio paventato da parte di alcuni è quello che il Parco si sbilanci eccessivamente sui temi della sostenibilità, ponendo in secondo piano la missione istituzionale di tutela e salvaguardia; ma, nell’affrontare la propria missione  il Parco non può esimersi dal confronto con l’attività economica più significativa del territorio, il turismo, appunto.

In questo senso è un lavoro da Parco anche quello d’incoraggiare pratiche turistiche sostenibili, rispettose delle necessità ambientali e di quelle dei residenti, attente alle spinte dell’economia locale e dei visitatori: in questa logica si inseriscono i progetti volti a promuovere la diffusione di modelli di gestione ambientale delle strutture ricettive, le azioni per favorire una mobilità sostenibile, l’arricchimento di proposte di educazione ambientale e di attività turistiche a basso impatto. D’altra parte il Parco, con le proprie attività e il proprio marchio, può diventare elemento di attrattività e caratterizzare l’offerta turistica del territorio orientandola verso modelli sostenibili.

Scopri il territorio del Parco Naturale Adamello Brenta con il nuovo simulatore 3D!
 
Scegli tra le strutture che hanno ottenuto il “Marchio Qualità Parco”
 
immagine di osvaldo con famiglia che cammina
Scopri alcuni preziosi consigli per muoverti nel Parco...a piedi, in bici, in bus e a cavallo
 
Scopri il Parco in tutte le stagioni
 
certificato carta europea del turismo sostenibile
Il Parco ha ricevuto ad Oxford, nel settembre 2006, la Carta Europea del turismo sostenibile
 

 Disclaimer | Mappa del sito |  Anticorruzione |  Note legali |  Privacy |  Informativa sui cookies |  Credits

Copyright© 2001-2016 Parco Naturale Adamello Brenta



I testi e le foto, dove non specificato, sono del Parco Naturale Adamello Brenta.
E' vietato qualsiasi uso non autorizzato.
INFO E CONTATTI:

Email: info@pnab.it - P.E.C. info@pec.pnab.it
Sede Amministrativa
Via Nazionale, 24 38080 Strembo (TN)
Tel. 0465 806666 - Fax 0465 806699
P.IVA 01300650221 - C.F. 95006040224

Navigando il sito pnab.it acconsenti all'utilizzo dei Cookie. Per maggiori dettagli.